venerdì 22 luglio 2016

Settimana Matildica, XVII edizione

Il prossimo fine settimana Frassinoro ritorna al medioevo con le suggestioni della "Settimana Matildica", in programma da sabato 23 a domenica 31 luglio 2016. Nella 17ª edizione della rievocazione storica, dedicata alla contessa Matilde di Canossa, spiccano le animazioni medievali, gli spettacoli, ma anche le escursioni, i prodotti tipici e gli incontri dedicati, quest'anno, alle vie dei pellegrini, in occasione del Giubileo della Misericordia.
Al centro resta comunque la figura della contessa Matilde di Canossa e della potente abbazia benedettina di Frassinoro da lei fondata nel 1071. La manifestazione è promossa dal Comune di Frassinoro, la Parrocchia di Frassinoro, associazioni locali, con il patrocinio della Regione.
Il programma è disponibile anche nel sito www.comune.frassinoro.mo.it.
Come sottolinea Elio Pierazzi, sindaco di Frassinoro, «il paese ritorna a 900 anni fa ai tempi di Matilde, paladina dell'unificazione e figura centrale nel medioevo. Per Frassinoro rappresenta una opportunità turistica è una occasione per riflettere sulla nostra storia e le nostre radici culturali. Questa edizione, inoltre, è dedicata al tema del viaggio e alla figura del pellegrino come portatore di fede che non teme l'inesplorato e le avversità».

mercoledì 20 luglio 2016

I colori ritrovati nella scultura altomedievale

Giovedì 21 luglio 2016, alle ore 17,00 al Museo  Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli (UD) si tiene la conferenza "I colori ritrovati nella scultura altomedievale".
L’ara di Ratchis (sec. VII) è un monumento longobardo di fama internazionale, scolpito su tutti e quattro i lati e custodito nel Museo Cristiano di Cividale del Friuli. La presentazione della sua policromia a cura di Laura Chinellato si sviluppa come un racconto che ci porta indietro nel tempo e dalla terra al cielo: la pietra, i castoni e le complesse stratificazioni che un tempo la impreziosivano sono tutti elementi della terra che, sapientemente gestiti da lapicidi e artisti, rafforzavano il valore teologico di ogni scena. Nell’incontro, Nell’incontro saranno presentati i risultati di una ricerca sulla policromia originale di tale manufatto condotti da Laura Chinellato, con uno speciale approfondimento di Saverio Lomartire, nome molto noto nella storia dell’arte italiana, che inquadrerà il tema suggestivo del colore nella scultura altomedievale. si sottolineerà come l’uomo dell’Alto medioevo lavorava, trasformava e plasmava le risorse del suolo (metalli, minerali e pietre); come “creava” con le risorse della terra un’opera d’arte.

domenica 17 luglio 2016

Festa per una Corte Medievale

Una nuova corte medievale si insedierà nel suggestivo comune di Sant'Agata di Puglia. Domenica 17 luglio 2016, la Loggia di Puglia tornerà indietro nel tempo, ai fasti dell'epoca medievale per rivivere la magia e le emozioni del periodo medievale.
La giornata di eventi, organizzata dal Comune di Sant'Agata di Puglia, permetterà al visitatore di entrare nel fascino dei mercati medievali, tra bancarelle e botteghe lungo le viuzze del centro storico che si inerpicano fino ad arrivare al Castello.
Dalla ore 10,30 – 13 e dalle 16 a alle 20 sarà possibile visitare taverne con cibi e bevande tipiche del periodo medievale, botteghe di strumenti musicali e il salone del falcone. Il ricco programma inoltre propone alle 16,00 il 'battesimo del guanto' e interessanti lezioni di falconeria per insegnare ai partecipanti la gloriosa arte venatoria, che trovò in questi territori grandi maestri come Federico II di Svevia.
Rimanendo in tema alle 17,00 seguirà la visita al Castello di Sant'Agata, tra le fortezze della rete federiciana. Sempre nella corte si terranno conferenze e dimostrazioni di astrologia e astronomia, laboratori di danza di corte che culmineranno con un concerto-spettacolo tra coreografie e suoni dal medioevo.
A conclusione della giornata, alle 20,15 si terrà il suggestivo teatro della falconeria, con i volatili e i maestri della nobile arte. Un'occasione da non perdere per viaggiare indietro nel tempo e gustare le emozioni, i sapori e i costumi della corte di Agatone.
Inoltre quella di Domenica 17 luglio sarà un'occasione anche per visitare la mostra "Il cielo e le Terre".

sabato 16 luglio 2016

L'amor cortese a Castel Caldes (TN)

Una leggenda vuole che Castel Caldes sia stato teatro della prigionia di una giovane donna di nome Olinda, forse da identificarsi nella contessa Marianna Elisabetta Thun, che venne rinchiusa dal padre Rodemondo in una piccola stanza per impedire il matrimonio con Arunte, menestrello di corte per il quale morì d’amore.
La tormentata storia d'amore di Olinda e Arunte darà lo spunto per far rivivere, nelle giornate di sabato 16 e domenica 17 luglio 2016, le atmosfere  dell'amor cortese attraverso la musica e la narrazione. Menestrelli e giullari animeranno le sale del castello con presenze evocative ed il borgo adiacente al maniero vivrà un'insolita animazione grazie alla realizzazione di un mercato medievale, botteghe artigiane e taverne che saranno frequentati da giocolieri e giullari che coinvolgeranno il pubblico nella ricostruzione di antichi giochi.
La serata del sabato sarà caratterizzata da un suggestivo spettacolo di danza aerea sulla facciata del castello, evocativo della leggenda di Olinda e Arunte, proposto da un gruppo di danzatori-acrobati.
Ingresso libero.
Per visualizzare il programma completo clicca qui !