giovedì 29 gennaio 2015

“Medioevo della scrittura. Pergamene, libri, epigrafi”, conferenza a Barletta (BT)

Si terrà venerdì 30 gennaio 2015 nella libreria Cialuna  di Barletta (BT) alle ore 19.00 l’ultima delle tre lezioni sulla Disfida di Barletta, organizzate dall’Associazione del Centro di Studi Normanno-Svevi nell’ambito della rassegna “Archeologia Storia Arte. Materiali per la storia di Barletta". Protagonista sarà la scrittura, con una lezione della paleografa barlettana Annangela Germano su “Medioevo della scrittura. Pergamene, libri, epigrafi”.
La Disfida sarà dunque il motivo per compiere un viaggio nel mondo della paleografia, disciplina che studia le grafie, la scrittura con cui venivano vergati i documenti. Tratto caratteristico del Medioevo europeo fu la cosiddetta “rivoluzione documentaria”, fenomeno che, attraverso il proliferare di documenti scritti, ha consentito di poter conoscere anche i particolari meno noti del passato. Per esempio: i barlettani del tempo che tipo di approccio ebbero con il testo scritto? Quanti di loro sapevano leggere e scrivere? Che tipo di cultura ebbero e quanto la scrittura fu elemento di potere? Perché alcuni di loro decisero di lasciare tracce del loro passaggio anche sui muri delle chiese e dei palazzi del tempo? Si risponderà a queste domande, discutendo di Barletta e della sua tradizione grafica, sino ai giorni in cui i cavalieri italiani vinsero i francesi, nel febbraio del 1503.
Annangela Germano è dottoressa di ricerca in “Civiltà e Cultura Scritta fra Tarda Antichità e Medioevo” e cultrice della materia in Paleografia greca e Paleografia latina presso i relativi Dipartimenti dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”. Studia la tradizione manoscritta di area beneventana (secoli IX-XI) ed ha al suo attivo diverse pubblicazioni per le case editrici Palumbo, Cisam, Viella ed Edipuglia. Ha studiato, tra le altre cose, il documento con il quale Federico II concesse a Barletta il privilegio della fiera dell’Assunta.

mercoledì 28 gennaio 2015

"Dalle origini al Medioevo. Le sezioni Paleontologica e Archeologica del Museo del Territorio Biellese"

Venerdì 30 gennaio 2015 sarà presentata la nuova guida breve “Dalle origini al Medioevo. Le sezioni Paleontologica e Archeologica del Museo del Territorio Biellese”. L’iniziativa si svolgerà alle 18,00 nella sala conferenze del Museo del Territorio, con l’assessore alla Cultura biellese, Teresa Barresi, e il Soprintendente per i Beni Archeologici del Piemonte, Egle Micheletto.
La pubblicazione della guida “Dalle origini al Medioevo” arricchisce le sezioni di Archeologia e Paleontologia del Museo, consolidandone il legame con il territorio. Per la prima volta quindi i visitatori delle stanze di via Quintino Sella potranno portare a casa immagini dei reperti e approfondimenti.
La guida è frutto del lavoro di archeologi e paleontologi già impegnati nell’allestimento del Museo, a cui si sono aggiunti altri studiosi, fotografi e grafici, con la cura scientifica e redazionale di Giuseppina Spagnolo Garzoli, della Soprintendenza Archeologica del Piemonte, e di Angela Deodato, archeologo conservatore.
I temi trattati nella pubblicazione comprendono la storia del chiostro di San Sebastiano, della città di Biella dall’età romana al Cinquecento e del territorio che ha restituito preziosi fossili.

martedì 27 gennaio 2015

"Alle armi.. l'addestramento militare" all'Archeodromo di Poggibonsi (SI)

Domenica 1 febbraio 2015, ore 11.00 - 17.00 all'Archeodromo di Poggibonsi (SI)
La giornata del villaggio sarà animata da oltre venti persone, tra abitanti e vicini che hanno deciso di far visita al dominus Razo. Tutte le attività lavorative saranno in funzione e sperimenteremo la produzione di perle e fuseruole in pasta vitrea.
Il sapiente Gottefredo ricorderà il sacco di Roma ad opera dei Vandali, Hildebrando da Staggia ed i suoi musici allieteranno la giornata, alcuni prescelti si eserciteranno con le armi e forse partiranno a primavera con il dominus.
Sappiamo anche che il prete Magiolo, in cerca di buon cibo essendo il suo compleanno, potrebbe raggiungerci.
INGRESSO GRATUITO
Parteciperanno:
Archeotipo srl
Winileod

venerdì 23 gennaio 2015

La "Katàbba" 2015 a Monforte San Giorgio (ME)

Saranno giornate dal sapore medievale quelle che da sabato 24 gennaio a domenica 1 febbraio 2015 faranno rivivere a Monforte San Giorgio (ME) l’ingresso del Conte Ruggero d’Altavilla e la liberazione dalla dominazione araba. Il tutto all’ombra della “Katàbba”, la tradizionale sonata eseguita dal campanile della Chiesa di Sant’Agata, dal succedersi di ritmi realizzati da campane e tamburo.
All’alba e al tramonto sarà possibile ascoltare il concerto di campane e tamburo che ogni anno viene eseguito in cima all’antico campanile di Sant’Agata. Con venticinque ritmi diversi, affidati all’estro degli esecutori inerpicati sul campanile, rappresenta l’arrivo del messaggero degli Altavilla: il trotto dei cavalli, il passo felpato del cammello su cui, secondo la leggenda, avanzava Ruggero, la fuga dei Saraceni. L’ultimo giorno un corteo storico in costumi d’epoca attraversa le vie principali di Monforte (ME) fino in piazza IV Novembre, dove avviene la cerimonia della consegna delle armi, delle chiavi e dei doni al Gran Conte – Accensione fuoco della Cristianità.
Sabato 24 Gennaio alle 18 hanno inizio le Feste medievali con la lettura del bando e l’inaugurazione del “Banco del cambio-conio” della moneta medioevale. Con questo conio sarà possibile degustare prodotti tipici nel borgo, naturalmente previo cambio con l’euro all’ingresso. Mostra mercato, Musici e giocolieri, predicatori, dame e cavalieri animeranno gli angoli più caratteristici del paese e guideranno alla scoperta del suo patrimonio artistico. Varie le proposte gastronomiche e nei ristoranti locali, dove per l’occasione trionferanno le ricette medievali presentate negli appositi menù. Durante tutte le giornate della Katabba Narang Fest Panem et Porcus, Cortei Storici di Sicilia. Domenica 25 il viaggio nel passato continua con la Giostra Medievale in onore delle cittadine Medievali liberate dal Conte Ruggero. Impavidi e nobili cavalieri daranno dimostrazione di coraggio, destrezza e precisione in spettacolari combattimenti a cavallo con la più nobile delle loro armi. Tutte le informazioni sul programma delle giornate su www.katabba.it.

mercoledì 21 gennaio 2015

"Alla ricerca della Cattedrale perduta" a Terlizzi (BA)

Giovedì 22 gennaio 2015 primo appuntamento dell'anno con la storia di Terlizzi (BA): il centro storico sarà animato da un evento didattico-culturale-enogastonomico, ideato da Michele Amendolagine e realizzato dall'associazione di promozione sociale Torre Normanna denominato "Alla ricerca della Cattedrale Perduta".
"Parliamo di cattedrale 'perduta' perché era il 1782 quando fu scritta una delle pagine più buie della storia della città: un gruppo di terlizzesi, armati di picconi e martelli distrussero quel gioiello di arte e fede quale era il duomo romanico consacrato nel 1258 dall'arciprete Guaranno e dedicato a S. Michele Archengelo".
"Tuttavia, non tutto è 'perduto' perché, dopo 232 anni, Terlizzi intende riappropriarsi del proprio passato ripartendo da ciò che di quel monumento si conserva; dagli studi condotti da storici e architetti come don Gaetano Valente, Michele Gargano, Vincenzo De Chirico e Antonio Tempesta e dai ragazzi di scuola elementare e media che hanno preso parte al progetto per ricostruire, seppur idealmente, l'antico duomo".
Un progetto reso possibile grazie al patrocinio e al sostegno del Comune di Terlizzi - Assessorato alla Cultura, dal supporto del G.a.l. Fior d'Olivi, della locale Pro Loco, dell' Unpli Puglia, della Confcommercio delegazione di Terlizzi e, a vario titolo, di molti commercianti attenti alla valorizzazione culturale e turistica della Città.
Per festeggiare la ricostruzione ideale del vecchio duomo, giovedì 22 gennaio dalle ore 18.00 il centro storico di Terlizzi (BA) sarà animato, dunque, dal passaggio di un corteo con musici, giullari, giocolieri, sputafuoco, popolani e studenti. "Le botteghe e le taberne della civitas con il rumore degli scalpellini, le schegge del falegname, le icone della miniaturista vi faranno perdere la concezione del tempo riportandovi in quel lontano 1258, anno in cui l'antica chiesa venne consacrata".

martedì 20 gennaio 2015

"I Giorni del Perdono" a Canossa (RE)

Si aprono ufficialmente a Canossa domenica 25 gennaio 2015 le celebrazioni del nono centenario della morte di Matilde di Canossa. Sono quasi novanta ormai tra Emilia, Lombardia, Toscana e Veneto i soggetti (Enti locali e Enti ecclesiastici, pubblici e privati, istituzioni culturali e Associazioni) che hanno aderito a un protocollo per le celebrazioni del IX Centenario della morte di Matilde di Canossa. E Canossa – non a caso – fulcro della storia matildica e luogo del castello che ha dato nome alla dinastia, avrà l’onore e l’onere di aprire e chiudere con la giusta solennità questo anno di eventi che si apre nel gennaio 2015 con una Lectio magistralis del professor Franco Cardini sul significato storico politico e religioso dell’incontro di Canossa e si chiuderà nel gennaio 2016 con la Lectio magistralis del cardinal Gianfranco Ravasi. Tre giorni di eventi, 232425 gennaio 2015, che ricordano l’umiliazione dell’imperatore Enrico IV scomunicato che per tre giorni appunto, scalzo e vestito di saio ai piedi della rupe bianca di roccia e di neve, attende il perdono del Papa Gregorio VII.
Domenica 25 alle ore 11.00 fra i ruderi del castello (nella chiesa S.Martino V. di Ciano d’Enza in caso di maltempo) avrà luogo la “Rievocazione Storica”-narrazione del perdono, a cura di Claudia Campani e di Clementina Santi, con le Contrade Canossane, Fausto Stigliani, il Coro gregoriano Cappella Musicale di San Francesco da Paola diretto da Silvia Perucchetti. Nel pomeriggio alle 16.30 nel Teatro Comunale a Ciano d’Enza, il prof. Franco Cardini, docente di Storia medievale presso l’Università di Firenze, ora direttore dell’Ecole d’Hautes Etudes en sciences sociales (E.H.E.S.S.) di Parigi, terrà la lezione “L’incontro di Canossa: alle radici della modernità europea?”. Presiederà il prof. Paolo Golinelli, docente dell’Università di Verona, riconosciuto in Italia e in Europa tra i massimi studiosi di Matilde e dei Canossa.
Numerosi gli eventi collaterali riservati alle scuole di Canossa: un racconto “Il sogno di Matilde a Canossa” di Federica Soncini e Daria Manenti (23 gennaio); la lezione “Matilde e il perdono di Canossa” del dottor Danilo Cristian Morini (Università di Bologna) e lo spettacolo del giovane autore reggiano Roberto Mercati (24 gennaio).
Aperto a tutti è lo spettacolo teatrale di un'altra giovane autrice: Maria Antonietta Centoducati, domenica 25 gennaio alle ore 18.30 nel Teatro Comunale a Ciano d'Enza; presso il Castello di Canossa sono due le mostre visitabili dalle ore 10.00: "La bellezza di Matilde" presso il Centro Turistico e le “Icone Matildiche” allestita nelle stanze del castello, con dimostrazione dell'antica tecnica pittorica. Ad inaugurare “I giorni del perdono di Canossa” il sottosegretario ai Beni Culturali on. Isabella Borletti Buitoni e molte autorità civili e religiose. Canossa “ nuova Roma”, come fu nell’inverno del 1077 e come le aveva predetto Donizone (tempora laeta) nove secoli fa.
Info e programma completo nel sito del Comune di Canossa.

sabato 17 gennaio 2015

Il pensiero di Dante Alighieri a Pavia

Giovedì 22 gennaio 2015 alle ore 18.00 nell’Aula Goldoniana del Collegio Ghislieri di Pavia, ultimo appuntamento con “Filosofia e Letteratura”, rassegna organizzata dall’associazione studentesca Philosophicum Ghislieri. Tema dell’incontro, il pensiero di Dante Alighieri (1265-1321), autore della Divina Commedia e “padre” della lingua italiana e della cultura europea.
A dialogare intorno alla poetica e alle opere del poeta fiorentino, due esperti della materia: Carla Casagrande, docente di Storia della filosofia medievale e Storia delle dottrine morali dell'Università degli Studi di Pavia, e Gianfranco Fioravanti, professore di Storia della filosofia medievale presso l’Università di Pisa, autore di numerosi contributi alla critica dantesca contemporanea, tra cui un’edizione commentata del Convivio per I Meridiani Mondadori.

Il ciclo di conferenze Filosofia e Letteratura, organizzato da Philosophicum Ghislieri (grazie al contributo ACERSAT dell’Università di Pavia), si ripropone di indagare se sia possibile rintracciare una “filosofia” all’interno dell’opera di pensatori tradizionalmente non considerati filosofi. Docenti ed esperti da prestigiose università italiane e straniere dialogano intorno alla figura e alle opere di poeti e romanzieri quali Friedrich Hölderlin, Fëdor Dostoevskij, Marcel Proust, Giacomo Leopardi, Dante Alighieri.

Philosophicum Ghislieri. Società filosofica ghisleriana” è una associazione studentesca nata nel 2013 con lo scopo di promuovere la pratica della filosofia attraverso l’organizzazione di eventi culturali presso il Collegio Ghislieri di Pavia.

Ingresso libero

venerdì 16 gennaio 2015

Comuni in Cammino sulla Via Francigena

Sabato 24 gennaio 2015, presso il complesso monumentale di Abbadia Isola (SI), il Comune di Monteriggioni, in collaborazione con l’Associazione Europea delle Vie Francigene e l’Associazione Toscana delle Vie Francigene, organizza “Comuni in Cammino - 2° Forum dei comuni in terra di Toscana sulla Via Francigena”.
Info: 0577 306659
Programma completo in formato PDF, clicca qui !

giovedì 15 gennaio 2015

“Il sito archeologico di San Valentino. I risultati delle prime indagini e progetti futuri”

Sabato 17 gennaio 2015 alle 17,00, nella suggestiva cornice della sala consiliare del comune di Soriano nel Cimino (VT) avrà luogo l’incontro di studio “Il sito archeologico di San Valentino. I risultati delle prime indagini e progetti futuri”.
L’evento, organizzato dal comune di Soriano nel Cimino e dal Polo turistico-culturale comunale, rappresenta un primo importante crocevia delle attività di ricerca in itinere sull’area archeologica di San Valentino, disciplinate da una convenzione stipulata tra comune di Soriano nel Cimino e il Dipartimento di Scienze dei Beni Culturali dell’Università della Tuscia con la supervisione della soprintendenza per i Beni archeologici per l’Etruria Meridionale.
L’incontro sarà una tavola rotonda coordinata dalla Dott.ssa Francesca Ceci (Musei Capitolini di Roma) alla quale interverranno, oltre al sindaco Fabio Menicacci, l’ispettrice di zona della soprintendenza per i Beni Archeologici Laura D’Erme, Elisabetta De Minicis (insegnamento di Archeologia Medievale dell’Università della Tuscia e responsabile scientifico del progetto) e il dott. Giancarlo Pastura, coordinatore delle attività archeologiche e titolare di un progetto di ricerca presso il Dipartimento di scienze dei beni culturali.
L’incontro permetterà di presentare i risultati delle prime indagini, di illustrare i successivi interventi e le prospettive dell’accordo stipulato tra Università della Tuscia e comune di Soriano nel Cimino.
In occasione dell’incontro di studio verrà presentato il programma “Archeologia e territorio” con il calendario delle conferenze e delle escursioni a carattere territoriale e archeologico che si terranno tra gennaio e marzo 2015 che, tra l’altro, prevedono per il mese di marzo proprio una visita al sito archeologico di San Valentino.
A termine della giornata saranno offerti aperitivo e visita guidata al Polo Archeo-Natura di Soriano.