martedì 2 settembre 2014

La Parola alle Vitù

Per riedificare un nuovo mondo, questo il sottotitolo del prossimo convegno, terzo consecutivo entro il progetto Mistica, Musica e Medicina. La Parola alle Virtù è in programma sabato 20 e domenica 21 settembre 2014, alla Casa di Spiritualità San Martino della Diocesi di Vittorio Veneto (TV), Sala degli Stemmi.
Lo spunto di questo convegno è dal testo attribuito a Ugo da San Vittore “De fructibus carnis et spiritus” (PL, 176, CLXXVI, coll. 997–1008). Sessanta virtù e altrettanti vizi vi sono descritti in reciproco raccordo e schematizzati in figura di albero, dai sette fiori con i relativi petali. A ogni virtù e vizio principali il teologo riferisce una serie di virtù e vizi secondari, mentre pone a radice dei vizi la superbia, delle virtù l’umiltà. Come scrive il teologo vittorino, è necessario mostrare i frutti dell’umiltà e della superbia e quanto da esse origina come forme visibili, di modo che chi segua l’una o l’altra si riconosca dalla qualità dei frutti che ne derivano a ricompensa della scelta effettuata.
Info e programma completo in formato PDF.

lunedì 1 settembre 2014

"Fantasia e fantasmi. Le fucine medievali del racconto" convegno a Rocca Grimalda (AL)

«A fantasia dicitur fantasma», recita il noto incipit di un capitulum del De nugis curialium di Walter Map (II, 13) in cui il dotto chierico gallese riflette sulla  natura  di misteriose, conturbanti apparizioni che sono al centro di una serie di narrazioni di grande pregnanza immaginifica e commisurata fortuna tanto nell’ambito della pagina scritta quanto in quello dell’oralità.
Oggetto del XIX Convegno internazionale organizzato dal Laboratorio EtnoAntropologico di Rocca Grimalda in collaborazione con la Società Italiana di Filologia Romanza che si terrà sabato 20 e domenica 21 settembre 2014 a Rocca Grimalda (AL) è appunto il complesso legame che associa la fantasia aristotelicamente intesa quale facoltà cognitiva, capace di produrre rappresentazioni intese a  mediare l’attività  sensoriale e l’attività  intellettiva  attraverso la rappresentazione, e il ricco immaginario a essa riconducibile in base alla teoria pseudo-agostiniana della visione: apparizioni illusorie, fate, fantasmi, demoni, creature per l’appunto ‘fantastiche’; retaggio di un sostrato pre-cristiano spesso sottoposto a una evangelizzazione soltanto superficiale; che costituiscono il fulcro essenziale e l’asse portante di una narrativa destinata, con i suoi temi, i suoi motivi, i suoi personaggi, le sue strategie retoriche, a superare le soglie della nostra contemporaneità.
Una longue durée che trova  potenti spinte propulsive nella  corte plantageneta, crocevia di lingue, culture, tradizioni di matrice diversa che in un dialogo serrato, in una dialettica  talora  anche aspra  giungono a  comporre un leggendario suscettibile di variazioni, rielaborazioni, attualizzazioni virtualmente infinite.
In questa  prospettiva, un’attenzione particolare verrà accordata alle tecniche compositive, al fine di mettere a giorno e motivare a fondo sia le strategie retoriche poste in atto dagli autori sia la sintassi diegetica mediante cui acquisiscono forma e consistenza letteraria materiali culturali di provenienza eterogenea.

venerdì 29 agosto 2014

VI edizione del Palio di San Martino a Vigo di Cadore (BL)

Sabato 30 e domenica 31 agosto 2014 va in scena la sesta edizione del Palio di San Martino a Vigo di Cadore (BL) organizzata dall'associazione Vigo Medievale - Praemium Sancti MartiniDue giornate densissime di avvenimenti ed intrattenimenti per grandi e piccini, il campo di rievocazione allestito ed animato da compagnie di truci mercenari in armatura e spietati arcieri, le dame, l'irresistibile giullare ed i musici dirompeti! Il tutto accompagnato dal rullo dei tamburi e lo sventolio delle bandiere dei gruppi del palio! Ospiti speciali di questo agosto saranno la compagnia dei Grifoni Rantolanti, il gruppo Vis Ferris, i musici della Compagnia del Barbecocùl, Willo lo giullare ed il gruppo tamburini e sbandieratori del quartiere Port'oria del Feltre! Il tutto nella splendida cornice del mercato dell'artigianato, degli stand gastronomici e della nuovissima taberna traballante all'interno del campo, dove si potranno assaggiare autentiche ricette medievali e prenotare i pasti presso il tavolo del Capitano!
Ulteriori info nel sito ufficiale del Palio.

mercoledì 27 agosto 2014

"A Cena con i Goti" a Poggibonsi (SI)

A Cena con i Goti, sabato 30 agosto 2014 alle ore 20.00 - Parco Archeologico - Fortezza di Poggibonsi-il Cassero - 53036 Poggibonsi (SI).
Costo: 30 € - PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO MERCOLEDI' 27 AGOSTO ORE 24.
INFO E PRENOTAZIONI: 338-7390950 oppure info@parco-poggibonsi.it.
PROGRAMMA
ORE 17,30-19: Il cibo nel Medioevo. Torniamo nel Medioevo alla riscoperta degli antichi sapori. Scopriremo insieme i segreti dell’arte culinaria dei nostri antenati, come cucinavano, cosa mangiavano e quali erano le bevande preferite. (ingresso libero).
ORE 19,15: Visita all'Archeodromo. I partecipanti alla cena, e solo i partecipanti alla cena, potranno godere in anteprima di una visita guidata all'archeodromo (capanna di grandi dimensioni di IX secolo) in corso di realizzazione a poche centinaia di metri.
ORE 20: A cena con i Goti (solo per i prenotati entro la data indicata).
I bambini sotto i 12 anni che accompagneranno i genitori saranno intrattenuti GRATUITAMENTE da alcuni degli archeologi raccontando loro la storia degli scavi di Poggibonsi visitando il centro di documentazione degli scavi. Inoltre potranno mangiare una squisitezza tipica della cucina antica cotta per loro in diretta: i panigacci.
Il panigaccio è un tipo di pane rotondo, non lievitato, cotto in uno speciale piatto di terracotta e mica, chiamato Testo, arroventato a fuoco vivo in un falò o in un forno a legna. Una pastella di farina, acqua e sale si frappone tra un testo e l'altro, sino a formare una pila. La consistenza finale è morbida o croccante a seconda del tempo di cottura.
Si possono gustare con gli affettati, formaggi molli come lo stracchino e il gorgonzola, o con vari sughi, da quello di funghi al pesto.

Segui l'evento su Facebook oppure nel sito del Parco.

martedì 26 agosto 2014

Capodanno Bizantino dell'antica repubblica marinara di Amalfi

Domenica 31 agosto e lunedì 1 settembre 2014 si svolgerà il Capodanno Bizantino dell'antica repubblica marinara di Amalfi.
Il Capodanno Bizantino è un evento storico-culturale ideato dal medievalista amalfitano Giuseppe Gargano agli inizi degli anni '80 del secolo appena trascorso. Il progetto originario prevedeva la rievocazione dell'inizio dell'anno fiscale e giuridico nei territori dell'impero d’Oriente, quelli direttamente dipendenti dal basileus e le così dette “autonomie periferiche”, tra le quali vi era anche Amalfi.

Questo “Capodanno bizantino” corrispondeva al I settembre: in quel giorno entravano in carica i comites, cioè i capi della repubblica marinara di Amalfi nella sua fase aristocratica. Considerando la nomina annuale dei comites collaboratori dei prefetturi, questa prassi giuridico-amministrativa durò dall'839, anno di nascita della repubblica autonoma, alla prima parte del X secolo. L'istituto dell’elezione annuale dei rappresentanti delle Università della Costa d'Amalfi fu ripresa con l’avvento angioino (1266) e durò sino all'epoca dei Borbone. La manifestazione coinvolgeva, sin dalla sua fase progettuale, i comuni di Amalfi e di Atrani, le uniche civitates della Repubblica Amalfitana almeno sino alla metà dell’XI secolo. Il teatro principale della rievocazione è la chiesa del S. Salvatore de Birecto di Atrani, cappella palatina dove venivano incoronati i duchi di Amalfi e luogo di pubbliche assemblee, almeno dall'età angioina e per tutto il XVIII secolo, dei sindaci delle Università dello Status Amalfie per decisioni di interesse comune.
Info e programma nel sito ufficiale dell'evento.